Pubblicato il

15 ottobre 2019

Siracusa

“FARE RETE PER ASSICURARE PERCORSI DI ISTRUZIONE E DI INCLUSIONE PER ADULTI”

“FARE RETE PER ASSICURARE PERCORSI DI ISTRUZIONE E DI INCLUSIONE PER ADULTI”

Fare rete per assicurare percorsi di istruzione per adulti e per ampliare l’offerta formativa anche per i più deboli, nel segno dell’inclusione“. Queste le motivazione che, a Siracusa, hanno portato all’intesa tra Centro provinciale per l’istruzione degli adulti e il Centro interculturale di aiuto e orientamento dell’Istituto dei Fratelli Maristi. Insieme realizzeranno corsi di italiano per stranieri e offriranno la possibilità di seguire gli studi necessari ad ottenere il diploma di scuola secondaria I grado, cioè l’ex licenza media.

E’ stato siglato un protocollo che permette a questo luogo di diventare ulteriormente punto di riferimento, soprattutto per i migranti. Dalla sua inaugurazione – spiega fratel Claudio Begni, Fondazione di solidarietà Marista, composta da religiosi consacrati e da missionari laici provenienti da diverse parti del mondo –, che è avvenuta a gennaio di quest’anno, il Ciao sta offrendo ai ragazzi la possibilità di un luogo dove trovare qualcuno che li ascolta. Vengono attivati corsi di italiano per gruppi in base al livello, corsi di informatica, di fotografia. Ed è anche un internet point per chi vuole approfittare per cercare soluzioni lavorative o connettersi con le loro famiglie lontane. Firmiamo questa convenzione – aggiunge – per dare opportunità ai ragazzi del territorio la possibilità di accedere ad un corso di formazione in questi locali proprio perchè rientra nelle finalità di questo centro”.

Abbiamo da sempre l’obiettivo di includere ed integrare. Abbiamo cinque punti di erogazione – dice la dirigente scolastica del CPIA, Simonetta Arnone, ma non siamo solo una scuola, ma un’agenzia del territorio. Comprendiamo le esigenze dei ragazzi e di tante donne che hanno difficoltà a raggiungere le nostre strutture. Questo è un primo passo – continua – per farli diventare cittadini. Fare rete per noi è importante perché ci permette di mettere in atto tutte le potenzialità e metterle in pratica che questa scuola ha: essere nel territorio punto di riferimento per la crescita culturale dei cittadini, nessuno escluso”.

Condividi