Pubblicato il

16 luglio 2019

Palermo

SANTA ROSALIA: “PALERMO CAPITALE DELL’INCONTRO E DELL’ACCOGLIENZA”

SANTA ROSALIA: “PALERMO CAPITALE DELL’INCONTRO E DELL’ACCOGLIENZA”

“Non possiamo essere donne e uomini del ‘si salvi chi può’, donne e uomini che mancano al loro stesso essere, trascinati dall’indifferenza, dalla preoccupazione per se stessi, secondo la spietata massima: ‘prima noi!’”. Lo ha detto l’arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, nel suo discorso alla città, pronunciato ieri sera, in piazza Marina, in occasione del festino della patrona, santa Rosalia. “Vogliamo essere dinanzi al diluvio costruttori di arche della salvezza e della custodia, dove entreremo per ultimi, dopo aver fatto spazio a tutti”, ha aggiunto il presule. Mons. Lorefice, citando le parole di Papa Francesco ad Abu Dhabi, ha ripreso l’immagine dell’arca: “Penso stasera a tre arche da mettere su in fretta, per custodire la casa comune, il creato, e per porre i presupposti dell’arcobaleno, della nostra rinascita”. La prima “arca da costruire, la prima realtà del creato da proteggere sono i corpi, i corpi concreti, i corpi di carne”. Poi, le case e le famiglie e, infine, la città. Anzitutto, il riferimento ai “corpi tanto reali quanto invisibili, che si annidano nelle macerie della storia, distrutti da una corrente gelida di annientamento e di indifferenza”. Una situazione che – ha sostenuto l’arcivescovo – genera sgomento. “È lo sgomento che ci afferra al cospetto dei barconi affondati, dei campi di concentramento libici, che continuano la loro sistematica distruzione nazista dell’umano con la nostra colpevole complicità, dei popoli dell’Africa e del Sud del pianeta, martoriati dallo sfruttamento dell’Occidente, ridotti allo stremo e alla morte, lo sgomento davanti a tutti i corpi viventi che finiscono la loro avventura nel non senso, nell’abisso del nulla”.

“La nostra mano – e penso qui naturalmente alla mia, alla nostra, alla mano del vescovo e della Chiesa di Palermo – nel segreto riparo del sottocoperta, deve protendersi per accarezzare il tentativo generoso di tutti: le case – ordinate o scombinate, equilibrate o disastrate, regolari o irregolari – hanno tutte diritto alla carezza consolante del Vangelo”, ha proseguito il presule. Riferendosi alle “nostre case e alle nostre famiglie”, il presule ha incoraggiato a custodire “la fatica e la bellezza del vivere assieme di ogni coppia, la dignità mai giudicabile di ogni amore, di ogni slancio appassionato verso l’altro in cerca di felicità”. Poi, l’attenzione alla città. E il “no” alle “separazioni fittizie tra il popolo e le élites”. “Svegliati e alzati, Palermo, sii capitale degli incontri e dei confronti – è l’incoraggiamento di mons. Lorefice alla città -; capitale delle mani strette e dei racconti lunghi; capitale aperta alle differenze e gioiosa della sua tradizione; capitale del mare e della terra, della giustizia e dell’accoglienza”. Guardando alla Chiesa locale, l’arcivescovo ha auspicato che sia “intrepida nella testimonianza, unita nell’amore, mai divisa di fronte alle esigenze del Vangelo, capace di umiltà e di ascolto, ma pronta a gridare per salvare il diritto dell’orfano e della vedova”. Infine, citando Enrico Berlinguer e Aldo Moro, mons. Lorefice ha segnalato l’esigenza della “centralità della responsabilità etica e la necessità di un rinnovamento linguistico della politica”.

Condividi