Pubblicato il

05 febbraio 2019

Mazara del Vallo

LA CASA FRATERNA “SURIANO-LOI” PER DONNE IN DIFFICOLTÀ DIVENTA REALTÀ

LA CASA FRATERNA “SURIANO-LOI” PER DONNE IN DIFFICOLTÀ DIVENTA REALTÀ

Sono sei i posti letto disponibili per donne in difficoltà sociali nella Casa fraterna “Pina Suriano-Emanuela Loi” che è stata inaugurata stamattina a Marsala. Il progetto della Casa è dell’Opera di religione “monsignor Gioacchino Di Leo” ed è sostenuto dalla Diocesi di Mazara del Vallo tramite i fondi 8x1000 destinati alla carità.

Tre stanze da letto, due bagni, una lavanderia, una cucina e un ampio salone che si affaccia con una vetrata sull’abitato di Marsala: quello che da oggi è un rifugio sicuro per donne con difficoltà sociali che attraversano un periodo difficile della loro vita dovute a diverse vicissitudini è un appartamento accogliente. Si trova al secondo piano del palazzo Magnolia, in contrada Ponte Fiumarella, che è stato sequestrato al marsalese Francesco Bianco e ora affittato dal Tribunale di Trapani tramite l’amministratore giudiziario Alberto Scuderi.

Stamattina all’inaugurazione hanno preso parte anche il vescovo, mons. Domenico Mogavero, e il Procuratore della Repubblica di Marsala, Vincenzo Pantaleo. Per il vescovo, “questa casa è la viva testimonianza dell’utilizzo dei fondi 8×1000 per le persone bisognose“. È lui stesso a spiegare che “la struttura non certo potrà essere quella risolutiva per tutti i problemi nel sociale che si registrano a Marsala, ma è una piccola fiammella che si aggiunge alle altre già operative. La nostra Chiesa è in prima linea già con la mensa fraterna della Caritas diocesana-Fondazione San Vito Onlus, ora con questa Casa che, sono certo, sarà d’aiuto a tante donne in difficoltà ma anche sostenendo, sempre coi fondi 8×1000, attività di altre associazioni e Centri“.

Il rettore dell’opera di religione è don Francesco Fiorino.

Condividi