versione accessibile   |   mappa del sito   |   newsletter   |   contatti 
Torna in Home Page
 Chiese di Sicilia » Ufficio stampa » Focus on » PALERMO. LOTTA ALLO SPRECO DI FARMACI 

PALERMO. LOTTA ALLO SPRECO DI FARMACI   versione testuale

Avviato servizio di raccolta solidale di farmaci non scaduti


Contestualmente all’entrata in vigore del regolamento attuativo della legge del 2016 per la lotta allo spreco di farmaci e per il loro recupero e distribuzione a soggetti bisognosi, prende il via a Palermo un servizio di raccolta solidale di farmaci non ancora scaduti che le famiglie potranno donare depositandoli, presso le farmacie della città, negli appositi contenitori in cartone ecosostenibile e con sacchetti biodegradabili recanti la dicitura “Progetto Raccogliamo la solidarietà”. Si possono donare solo farmaci integri e con scadenza superiore a sei mesi; sono esclusi quelli da conservare in frigo, quelli contenenti stupefacenti, i prodotti psicotropi e quelli dispensati solo dagli ospedali.
Secondo quanto dispongono il protocollo d’intesa, firmato oggi a Palazzo delle Aquile, che coinvolge il Comune di Palermo, l’Ordine provinciale dei farmacisti e Federfarma Palermo, e l’allegato disciplinare che riprende i contenuti del regolamento normativo, la cooperativa sociale “Giorgio La Pira”, con sedi nel quartiere di Brancaccio, a Enna e in Romania (e che ha alle spalle una quasi decennale esperienza di assistenza attraverso la propria farmacia solidale, terapie per bambini autistici e consulenze gratuite), inserirà in una banca dati appositamente creata i farmaci recuperati dai contenitori ubicati nelle farmacie e ne curerà la distribuzione diretta, dietro presentazione di ricetta medica, ai propri assistiti e agli enti caritatevoli che ne faranno richiesta.
L’assessore comunale alla Scuola e Salute, Giovanna Marano, spiega che "è stata creata una rete fra le farmacie, intese come punto di incontro con i cittadini e come punti di raccolta presenti capillarmente i città, e la solidarietà rappresentata dalla coop ‘Giorgio La Pira’, abbinando anche la tutela ambientale attraverso il recupero di farmaci ancora utili e che altrimenti finirebbero tra i rifiuti. Puntiamo molto – aggiunge – sulla capacità dei bambini di sensibilizzare i genitori, e proprio per questo il progetto prevede anche una campagna di promozione del progetto nelle scuole”.
“Questa iniziativa – aggiunge Roberto Tobia, presidente di Federfarma Palermo – conferma e rafforza il ruolo sociale della farmacia nella comunità in cui opera. Siamo la porta d’ingresso del cittadino nel mondo della salute, uno sportello di prossimità a cui rivolgersi, come presidio di front office del servizio sanitario nazionale, in cui trovare competenze specifiche e, quindi, anche attenzione alle problematiche sociali, perché siamo professionisti amici della gente”.
Antonino D’Alessandro e Mario Bilardo, rispettivamente presidente e segretario dell’Ordine dei farmacisti, hanno ricordato che “secondo un’indagine Doxa, il 25% delle famiglie italiane non indigenti almeno una volta ha dovuto rinunciare ad acquistare farmaci, soprattutto al Sud e nelle Isole, mentre il 75 per cento delle famiglie conserva farmaci inutilizzati non scaduti. Siamo certi che questa iniziativa incontrerà la generosità dei palermitani e potrà, così, andare a beneficio non solo degli indigenti, ma anche di una fascia sempre più crescente di povertà sanitaria”.
Gianfranco Marotta, presidente della coop sociale “Giorgio La Pira”, ha auspicato che il progetto possa estendersi presto anche alle farmacie del territorio provinciale, mentre Michele Marchesoli, Markenting e Business Development Manager della Aurobindo Pharma, produttore di farmaci equivalenti che ha sponsorizzato con un contributo incondizionato l’acquisto dei contenitori, ha osservato che “l’accessibilità alle cure da parte di tutti è un principio per noi fondamentale”. [01]

Cerca Diocesi
Seleziona la Diocesi