versione accessibile   |   mappa del sito   |   newsletter   |   contatti 
Torna in Home Page
 Chiese di Sicilia » Ufficio stampa » In evidenza » SOLENNE CELEBRAZIONE ALLA VALLE DEI TEMPLI DEI VESCOVI DI SICILIA, RICORDANDO L’APPELLO DI SAN GIOVANNI PAOLO II 

SOLENNE CELEBRAZIONE ALLA VALLE DEI TEMPLI DEI VESCOVI DI SICILIA, RICORDANDO L’APPELLO DI SAN GIOVANNI PAOLO II   versione testuale

L'invito “a deporre le armi della violenza, a rifuggire ogni iniquità, ad abbandonare ogni atteggiamento di illegalità e corruzione”


Ai piedi del Tempio della Concordia, ad Agrigento, i vescovi delle diciotto diocesi di Sicilia hanno concelebrato solennemente messa, ricordando il 25° anniversario dall’appello di san Giovanni Paolo II per la conversione dei mafiosi. A presiedere la celebrazione il card. Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, che ha letto un messaggio da parte della Segreteria di Stato del Vaticano.
 
 
A guidare la riflessione, nell’omelia, mons. Salvatore Gristina, arcivescovo di Catania e Presidente della Conferenza episcopale siciliana, che ha ripreso “il forte e diretto monito ai responsabili, ai colpevoli di disturbare la pace e di portare sulle loro coscienze tante vittime umane, quel grido Convertitevi che, come in seguito Egli sottolineò, gli sgorgò dal cuore. Convertitevi è il titolo della lettera che oggi noi vescovi di Sicilia consegniamo alle nostre comunità a 25 anni dall'appello di Giovanni Paolo II. Anche questa Lettera sgorga dal cuore – ha detto il presule -, dal cuore di noi vescovi, a nome dei quali desidero dirvi che, indirizzandovela, vogliamo, come Paolo, essere ‘amorevoli in mezzo a voi come una madre nutre e ha cura delle proprie creature’. Con Giovanni Paolo II vogliamo rinnovare l'invito "Convertitevi" nei riguardi di coloro, uomini e donne, giovani ed adulti, che continuano a violare il diritto santissimo di Dio "non uccidere" e a comportarsi calpestando la dignità, la serenità di tante persone, famiglie e comunità. Preghiamo affinché, con umiltà e coraggio, accolgano l'invito a deporre le armi della violenza, a rifuggire ogni iniquità, ad abbandonare ogni atteggiamento di illegalità e corruzione. E così la loro vita si aprirà a pensieri ed azioni di pentimento e di riprovazione del male commesso ed essi diventeranno operatori di pace nella legalità, nella giustizia e nella solidarietà”.
Il settimanale diocesano "L'amico del popolo", in un video curato da Carmelo Petrone, con le immagini di Calogero Cassaro e Salvatore Giglia, ripercorre la giornata con immagini e interviste. [01]
Cerca Diocesi
Seleziona la Diocesi