versione accessibile   |   mappa del sito   |   newsletter   |   contatti 
Torna in Home Page
 Chiese di Sicilia » Ufficio stampa » Focus on » SIRACUSA. MIGRANTI E SALUTE: "L'ESEMPIO DELLA SICILIA" 

SIRACUSA. MIGRANTI E SALUTE: "L'ESEMPIO DELLA SICILIA"   versione testuale

Su “Gestione degli aspetti di salute pubblica della migrazione” la prima Summer dell'Oms


E' Siracusa ad ospitare, dal 10 al 14 luglio 2017, la prima Summer school sulla salute dei rifugiati e dei migranti promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Sotto la guida degli esperti del settore, l’iniziativa – dedicata alla “Gestione degli aspetti di salute pubblica della migrazione” – cercherà di “stimolare il trasferimento di conoscenze, la collaborazione tra i Paesi e la costruzione di competenze all’interno degli stessi”. Sono in programma presentazioni plenarie, seminari e discussioni interattive oltre ad una giornata sul campo in un luogo in Sicilia attivo nella ricezione regolare di rifugiati e migranti. “L’Oms è fermamente impegnata a garantire il diritto umano alla salute per tutti”, sottolinea Zsuzsanna Jakab, direttore regionale di Oms Europa. “In un periodo storico caratterizzato da una migrazione umana di massa – prosegue – la Summer school sulla salute di rifugiati e migranti costituisce un elemento di partenza per sviluppare ulteriori azioni e soluzioni intensive circa la questione critica della salute dei migranti”. Il corso, di cinque giorni, è organizzato con il sostegno del ministero della Salute e delle autorità regionali della Sicilia e in collaborazione con la Commissione europea e l’Associazione europea per la salute pubblica. Lunedì 10 luglio, dalle 15, presso il Teatro comunale Massimo di Siracusa, si terrà la conferenza stampa sulla salute di rifugiati e migranti alla quale parteciperanno il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, Zsuzsanna Jakab, e Baldassare Gucciardi, assessore per la salute della Regione Sicilia.
Intanto, per Santino Severoni “la Summer School è uno sforzo pionieristico per promuovere la condivisione di conoscenze e know-how, per migliorare la ricerca esistente e incoraggiare il dialogo politico tra i paesi che affrontano sfide simili”. Il coordinatore del programma Oms Europa sulla migrazione e la salute, intervenendo alla conferenza stampa che ha aperto la prima Summer School sulla salute dei rifugiati e dei migranti promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità, ha evidenziato che “la Sicilia gestisce silenziosamente migliaia di persone al giorno e i loro problemi sanitari. Un primo tentativo di piano è stato realizzato nel 2014, che ha fatto da battistrada. Il piano ora è servito da esempio per insegnare agli altri come organizzarsi. Lo ha fatto la Sicilia e noi lo abbiamo portato in giro per l’Europa ed è servito da esempio per insegnare agli altri Paesi su come organizzarsi”. [01]
 
Cerca Diocesi
Seleziona la Diocesi