versione accessibile   |   mappa del sito   |   newsletter   |   contatti 
Torna in Home Page
 Chiese di Sicilia » Diocesi di Sicilia » Monreale » 2018 » MONREALE. PASTORALE: “LA SESSUALITÀ FERITA COSTITUISCE UNA PERIFERIA ESISTENZIALE PARTICOLARMENTE SIGNIFICATIVA” 

MONREALE. PASTORALE: “LA SESSUALITÀ FERITA COSTITUISCE UNA PERIFERIA ESISTENZIALE PARTICOLARMENTE SIGNIFICATIVA”   versione testuale

L'intervento dell'arcivescovo Michele Pennisi alla Scuola di alta formazione in Pastoral Counselling GTK

“La sessualità ferita costituisce una ‘periferia esistenziale’ particolarmente significativa, in cui la pagina evangelica del Buon Samaritano prende carne e forma nel vissuto e nei volti di tanti uomini d’oggi. L’armonia sessuale tra corpo, psiche e spirito oppure la disarmonia, infatti, incidono in maniera decisiva sull’integrità e la pienezza di vita dell’uomo, cosicché essere competenti ed aver cura di tale dimensione costitutiva dell’essere umano diventa opera di misericordia, al tempo stesso corporale e spirituale”. Lo ha affermato mons. Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, nel suo saluto al convegno “Un regalo meraviglioso per le sue creature (AL 150). L’eros dello Spirito tra identità e legame”, in occasione dell’avvio della terza edizione della Scuola di alta formazione in Pastoral Counselling GTK. Dopo aver ricordato il magistero dei Papi e i documenti documenti della Chiesa con cui si è sottolineata la “rilevanza della dimensione sessuale”, mons. Pennisi ha osservato che “c’è una conquista da compiere ed un percorso da effettuare: la conquista del proprio corpo, il percorso della conoscenza di sé”. “La dimensione erotica dell’amore, pertanto, non è in alcun modo per la Chiesa un male permesso o un peso da sopportare per il bene della famiglia”, ha spiegato facendo riferimento all’Amoris laetitia che, al paragrafo 152 afferma come “al contrario essa si configura come dono di Dio che abbellisce l’incontro tra gli sposi. Trattandosi di una passione sublimata dall’amore che ammira la dignità dell’altro, diventa una ‘piena e limpidissima affermazione d’amore’ che ci mostra di quali meraviglie è capace il cuore umano”. “Tali considerazioni, ovviamente – ha aggiunto – non intendono tacere le problematiche connesse al tema della sessualità ed è lo stesso Papa Francesco che con sano realismo ci ricorda ancora che ‘molte volte la sessualità si spersonalizza ed anche si colma di patologie, in modo tale che diventa sempre più occasione e strumento di affermazione del proprio io e di soddisfazione egoistica dei propri desideri e istinti’”.
La Terza edizione della Scuola di Alta Formazione in Pastoral Counselling GTK si svolge, martedì 6 marzo 2018, dalle ore 9 alle 19, nei locali della Curia arcivescovile di Monreale.
Padre Giovanni Salonia, frate cappuccino, psicologo e psicoterapeuta che da altre trent’anni si dedica alla formazione dei religiosi e dei responsabili della formazione in ambito pastorale a livello sia nazionale che internazionale, nella presentazione al master scrive: “La formazione umana di coloro che nella comunità ecclesiale svolgono il servizio dell’Annuncio e dell’Accompagnamento ha assunto nel contesto odierno particolare importanza ed urgenza per tale motivo, i percorsi che il master propone puntano al superamento di ogni giustapposizione tra scienze umane e fede per riscoprire le valenze formative del Mistero Pasquale”.
Il seminario di studi, nella varietà dei suoi interventi, intende proporre i diversi livelli in cui il pastoral si articola: prospettiva biblica, spirituale, morale, francescana, medica, antropologica e gestaltica. Esso inoltre prevede due momenti formativi: gli interventi dei relatori e quattro workshop guidati dai didatti del Pastoral GTK. Ad inaugurare le due sessioni del seminario mons. Michele Pennisi, vescovo di Monreale, e l’arcivescovo di Palermo, mons Corrado Lorefice. La loro presenza sarà accompagnata da altri illustri esperti nella teologia e nelle Scienze Umane. La prospettiva medica e clinica del tema sarà curata dalla dott.ssa Piera Di Maria, medico, specialista in ginecologia e ostetricia, a seguire prof. Humberto Miguel Yáñez, sj, Direttore del Dipartimento di Teologia Morale Pontificia Università Gregoriana, Roma, che presenterà la riflessioni sulla dimensione morale della sessualità. Gli aspetti antropologici della sessualità saranno l’oggetto delle riflessioni del prof. Antonio Sichera, Docente di Letteratura Italiana Università di Catania. La sessione del mattino sarà coordinata dal prof. Andrea Sollena, diacono diocesi di Monreale e docente di Italiano e latino presso i Licei e Facoltà Teologica di Sicilia.
La seconda parte del seminario prevede altri tre interventi che verteranno sulla prospettiva francescana curata dal prof. Dino Dozzi, frate cappuccino e Docente ordinario di Sacra Scrittura Studio Teologico S. Antonio di Bologna e IISSR “S. Apollinare” Di Forli, sulla prospettiva biblica presentata dalla dott.ssa Rosaria Lisi, Psicologa e Psicoterapeuta, docente invitato di Psicologia Studio Teologico San Paolo di Catania e sulle declinazioni cliniche e gestaltiche della sessualità con l’intervento del prof. Giovanni Salonia, docente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e Università Pontificia Antonianum, direttore della Scuola di Specializzazione in Gestalt Therapy GTK. Ad armonizzare gli interventi del pomeriggio il prof. Carmelo Torcivia, direttore dell’Ufficio Pastorale Diocesi di Palermo e docente di Teologia Pastorale alla Facoltà Teologica di Sicilia e di Introduzione alla Teologia alla LUMSA. [01]
Cerca Diocesi
Seleziona la Diocesi