versione accessibile   |   mappa del sito   |   newsletter   |   contatti 
Torna in Home Page
 Chiese di Sicilia » Diocesi di Sicilia » Palermo » 2017 » PALERMO. AMEI: L'OPERA "SENZA TITOLO" ALLA CASA MUSEO DON PINO PUGLISI 

PALERMO. AMEI: L'OPERA "SENZA TITOLO" ALLA CASA MUSEO DON PINO PUGLISI   versione testuale

Realizzata da Claudio Parmiggiani e donata a Palermo in occasione del ventennale dell'associazione

Mercoledì 13 settembre 2017, alle 18.00, l’Amei, Associazione Musei Ecclesiastici Italiani, consegnerà l'opera "Senza titolo" di Claudio Parmiggiani alla Casa Museo "Don Pino Puglisi" in piazza Anita Garibaldi a Palermo.
In occasione del suo ventennale (1996-2016), l’associazione ha commissionato all’artista Claudio Parmiggiani l’opera che,  nell’ambito del progetto “Rinascere dal dolore”, ha già attraversato l’Italia con otto mostre temporanee in altrettanti Musei ecclesiastici.
"E' costituita da una serie di lastre di vetro sovrapposte, sulle quali poi l’artista interviene con violenza, creando in questo modo un’apertura sfrangiata e irregolare, come una lacerazione. Su di una lastra nera - si legge in una nota stampa che descrive l'opera e aiuta a cogliere il collegamento con il Beato Padre Pino Puglisi -, di una profondità abissale, su di una serie di crepe si dirama dal centro verso l’esterno, venendo a creare una ragnatela che si propaga ovunque. E’ immediata l’analogia tra l’opera e la vita di don Puglisi, ucciso dalla mafia con due colpi di pistola alla nuca nel 1993. Donare l’opera acquistata dall’AMEI alla Casa Museo del Beato Giuseppe Puglisi di Palermo, significa creare uno “spazio della memoria” da donare ai visitatori, nonché un’occasione per riflettere su un’altra componente essenziale della mission dei Musei ecclesiastici: l’attenzione alla dimensione sociale attraverso l'arte".
Lo stesso comunicato spiega che "la Casa Museo del Beato Giuseppe Puglisi di Palermo, ancora oggi, con il Centro di Accoglienza Padre Nostro, continua a rivolgersi ai tanti giovani palermitani che rischiano quotidianamente l’emarginazione o il coinvolgimento nella criminalità organizzata". [01]
Cerca Diocesi
Seleziona la Diocesi